Devianza e talento, due facce della stessa medaglia: identificare le aree di sovraeccitabilità come aree di potenziale

  • Diana Olivieri Pensa MultiMedia Editore

Abstract

Partendo dal presupposto che la ricerca suggerisce come la qualità dell’ambiente scolastico rappresenti un fattore predittivo significativo di successo per gli studenti devianti, considerati a rischio, i suggerimenti e le raccomandazioni offerti in questo articolo vogliono fungere da catalizzatori per avviare un dialogo e incoraggiare un cambiamento sistemico nelle scuole, affinché gli studenti “difficili” di scarso rendimento diventino studenti di successo, non per costrizione, ma perché sono loro stessi a decidere che il successo è un obiettivo desiderabile, e vengano quindi aiutati a invertire abitudini e cognizioni controproducenti. Per farlo, si propone di riconcettualizzare le cosiddette aree di sovraeccitabilità, identificate da Dabrowski, come aree di innesco del potenziale. 

Pubblicato
2019-06-25
Sezione
Articoli