Scrivane o scrittrici? Il recupero della dispersione scolastica come elemento del trattamento rieducativo penitenziario per le donne della criminalità organizzata

  • Cristiana Cardinali Pensa MultiMedia Editore
  • Rodolfo Craia

Abstract

Le conseguenze della dispersione scolastica sono un tema frequentemente affermato
nel dibattito pedagogico, più raramente, analizzato nella sua globalità nei soggetti
adulti per comprenderne sia l’influenza nella criminogenesi, sia per la migliore
strutturazione del programma di trattamento rieducativo penitenziario. Riconoscere
il problema conseguente alla dispersione scolastica nella persona detenuta, considerare
la sua peculiarità nei momenti di osservazione e inserire adeguate previsioni
nel programma di trattamento può offrire una diversa, ulteriore, chiave di lettura
del soggetto e uno strumento per lo sviluppo delle sue potenzialità e delle progettualità
inclusive. L’obiettivo specifico di questo contributo di ricerca è quindi sviluppare
delle prassi che partendo dall’analisi della dispersione scolastica,
consentano la riduzione della dispersione sociale del deviante precipitato in carcere
e nei fatti, una occasione per il recupero del disperso, realizzando quel risarcimento
educativo dovuto per l’oggettiva responsabilità di un sistema sociale incapace di
prevenire efficacemente il percorso deviante.

Pubblicato
2019-07-18
Sezione
Articoli