Riformare il pensiero, insegnare a vivere. Il post-Corona: formare alle competenze dell'agire, dell'articolare e del valutare alla luce di alcune riflessioni di E. Morin e Ch. Taylor

Autori

  • Vincenzo Salerno

DOI:

https://doi.org/10.7346/-fei-XIX-02-21_31

Abstract

Da tempo e ora, a seguito delle crisi globali e sistemiche causate dalla situ- azione pandemica Edgar Morin, urge un radicale cambiamento dell’educazione: trasformare l’educazione per trasformare il paradigma di vita occidentale. Questa operazione esige la formazione di competenze che riguardano il modo di pensare e il modo di pensare l’azione personale e comunitaria. A questo proposito è possibile ravvisare una sintonia antropologica con il pensiero di Ch. Taylor riguardo alla ripresa della dimensione dell’agency, dell’articolazione e della valutazione, come approfondimento teorico e sistematico dell’umanesimo rigenerato in termini di homo complexus individuato da E. Morin. L’articolo si pone quindi l’obiettivo di continuare la ricerca riguardo all’interrogativo: quale antropologia pedagogica stiamo cercando per iniziare e sostenere la trasformazione di paradigma desiderata?

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-07-27

Fascicolo

Sezione

Articoli