Il Laboratorio di Attraversamento dei Confini per mobilitare la competenza tra scuola e lavoro

Autori

  • Daniele Morselli

Abstract

Uno dei principali problemi dei giovani in Europa e in Italia è trovare un lavoro dopo aver ottenuto un diploma di scuola superiore. In linea con gli obiettivi dell’Agenda Europea per il 2020, questa ricerca riguarda il trasferimento e la mobilità della competenza tra scuola e lavoro. Inoltre, si confronta con la competenza dello studente in fatto senso d’iniziativa
e imprenditorialità, così come il suo apprendere ad imparare
abilità, migliorando così la propria occupabilità. Per aiutare gli studenti delle scuole superiori a ricostruire le loro competenze in nuovi contesti (dalla scuola al lavoro e viceversa), questa ricerca si propone di realizzare due Laboratori di Attraversamento dei Confini in Italia e Australia, secondo la metodologia di Engestrom. Il quadro teoretico è quello della Teoria Storica Culturale dell’Attività (CHAT), che intende la cognizione come distribuita nel sistema di artefatti, regole, divisione del la-voro e comunità. Da un lato, questi Laboratori alimenteranno la creazione di oggetti di confine (sia materiali che concettuali), connettendo così la competenza tra scuola e lavoro. D’altra parte, essi miglioreranno l’apprendimento a come imparare abilità attraverso la riflessione sulle proprie esperienze e competenze. Metteranno infine in atto processi di
attivazione del senso di iniziativa personale attraverso l’intervento. I due differenti ambienti di implementazione consentiranno una visione prospettica sul processo di trasferimento delle competenze, trovando così quegli elementi che qualificano la competenza, in particolar modo al confine tra scuola ed esperienza lavorativa.

##submission.downloads##

Pubblicato

2014-12-12

Fascicolo

Sezione

Articoli