The pedagogist as diversity manager and mediator between University and Labour world

Authors

  • Rosa Galelli University of Bari Aldo Moro, rosa.gallelli@uniba.it
  • Pasquale Renna University of Bari Aldo Moro, pasquale.renna@uniba.it
  • Aldo Amoia University of Bari Aldo Moro, aldo.amoia@uniba.it

DOI:

https://doi.org/10.7346/-fei-XX-02-22_22

Keywords:

Disabilitation, Work, Diversity management, Pedagogical sciences, Pedagogist

Abstract

The diversity of gender, culture, ability is recognized as a value both at the level of common sense and in the context of national and European legislation. It is necessary to question the effectiveness of work placement strategies, as a human qualification device, of disabled people who complete their university studies. How to manage risks and opportunities in order to effectively guide the work placement of disabled people who reach the end of their university career? This contribution aims to offer an in-depth study on the subject, with a particular focus on the figure of the pedagogist as a pedagogical operator of mediation between the University and the world of work.

References

Baudrillard, J. (2010). La società dei consumi. I suoi miti e le sue strutture. Bologna: il Mulino.

Canevaro A. (2007). L'integrazione scolastica degli alunni con disabilita. Trent'anni di inclusione. Erickson: Trento

Cottini, L. (2016). L’autodeterminazione delle persone con disabilità. Trento: Erickson.

Dalla Mora R., Marino Aimone P. (2020). Manifesto del disability manager. Saonara: Edizioni Il Prato.

Demetrio, D. (1998). Elogio dell’immaturità. Poetica dell’età irraggiungibile. Milano: Raffaello Cortina Editore.

Foucault, M. (1978). La governamentalità. Aut-aut, 167-168.

Foucault, M. (ed. 1992). Tecnologie del sé. Torino: Bollati Boringhieri.

Frabboni, F. (2009). Libro e Computer: un banco a due piazze? In M. Baldacci, F., Frabboni, F. Pinto Minerva, & V. Plantamura (2009). Il computer a scuola: risorsa o insidia? Per una pedagogia critica dell’e-learning. Milano: FrancoAngeli.

Galimberti, U. (2007). L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani. Milano: Feltrinelli.

Gallelli, R. (2012). Incontri mancati. Didattica e sessualità. Bari: Progedit.

Ianes D. (2014) L'evoluzione dell'insegnante di sostegno. Erickson: Trento.

Ianes, D., Cramerotti, S., Scapin C. (2019). Profilo di funzionamento su base ICF-CY e piano educativo individualizzato. Trento: Erickson.

Kamkhagi V. (2020). Dall'alternanza scuola-lavoro ai PCTO. Una guida operativa. Torino: UTET Università.

Lepri C. (2012). Accelerare o cambiare marcia? Elementi per analizzare l'attuale situazione dell'integrazione delle persone con disabilita, in “L’integrazione scolastica e sociale”, 11, 4.

Loiodice, I. (2019). Pedagogia. Il sapere/agire della formazione, per tutti e per tutta la vita. Milano: Franco Angeli.

Massa, R. (Ed.). (1992). La clinica della formazione. Milano: FrancoAngeli.

Medeghini, R. (a cura di) (2015). Norma e normalità nei Disability Studies. Trento: Erickson.

Perla, L., Riva, M.G. (2019). L'agire educativo. Brescia: Morcelliana.

Renna, P. (2021). Salute e formazione tra le culture abramitiche del Mediterraneo. Bari: Progedit.

Romano, A. (2020). Diversity e disability management. Esperienze di inclusione sociale. Milano: Mondadori Università.

Severino, E. (2009). Democrazia, tecnica, capitalismo. Brescia: Morcelliana.

Downloads

Published

2022-08-30