Lo stato dell’arte dei progetti nature-based in ambito educativo, formativo, terapeutico e ricreativo in Italia: quadro concettuale e una possibile categorizzazione dei settori/contesti

Autori

  • Alessandra Gigli
  • Giannino Melotti
  • Chiara Borrelli

DOI:

https://doi.org/10.7346/-fei-XVIII-01-20_08

Abstract

Dall’analisi della letteratura nazionale e internazionale sulle pratiche naturebased
in ambito educativo, formativo, terapeutico e ricreativo, emerge disomogeneità
nell’utilizzo delle diverse terminologie, utilizzate con significati
talvolta molto diversi sia dagli stessi soggetti che se ne occupano, sia dagli
studiosi che ne teorizzano e concettualizzano le pratiche. Il presente contributo
è la premessa concettuale di una ricerca* effettuata per disegnare una
mappa quantitativa e qualitativa delle realtà che operano in Italia utilizzando
metodologie e approcci nature-based e propone sia una rassegna delle radici
teoriche che sostengono le esperienze nature-based, sia una ricostruzione
del panorama nazionale in merito all’utilizzo della terminologia e alla differenziazione
nei diversi ambiti specifici di operatività. Ai fini della suddetta rilevazione,
inoltre, il lavoro propone un’organizzazione concettuale che
delinea quattro macro-aree del settore nature-based; la categorizzazione proposta,
organizzata intorno ad alcuni indicatori, intende essere fluida e dai
confini permeabili ed è finalizzata a facilitare l’orientamento nel complesso
quadro delle numerose proposte nature-based presenti sul territorio italiano.

##submission.downloads##

Pubblicato

2020-03-31

Fascicolo

Sezione

Articoli