Il maestro di una generazione Diego Valeri al Liceo Manin di Cremona

Autori

  • Matteo Morandi

DOI:

https://doi.org/10.7346/PO-022021-23

Parole chiave:

Storia dell’educazione, Storia degli insegnanti, Memorie di scuola, Diego Valeri, Liceo Manin Cremona

Abstract

Il saggio ricostruisce i tratti salienti del magistero di Diego Valeri al Liceo Manin di Cremona, insegnante d’italiano, latino e storia dell’arte tra il 1922 e il 1925. Ricordato come “maestro incomparabile, non solo per finezza di cultura, ma anche per singolarità di metodo didattico, tutto inteso a suscitare nei discenti l’indicibile gioia di scoprire se stessi nella produzione letteraria e artistica altrui” (Gualazzini, 1989), quella del poeta veneto (Piove di Sacco, 1887 – Roma, 1976) fu infatti una delle presenze più celebrate, ancorché brevissime, nel panorama scolastico cre-monese. Sulla scorta di un recente filone di ricerca dedicato alle memorie di scuola, nelle pagine saranno prese in rassegna le testimonianze degli allievi Anna Dora Groppali (1904-1974), Ugo Gualazzini (1905-1995) e Alfredo Puerari (1907-1988), indicativi di un genere, espressione di un particolare modo d’intendere il sapere, che resta ancora in gran parte da indagare.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-12-23