Lo spazio sonoro come luogo di recupero della memoria nella terza età

  • Maria Rosaria Strollo Pensa MultiMedia Editore

Abstract

Il nesso musica/educazione, foriero di una pluralità di riflessioni e pratiche pedagogiche, viene analizzato nell’articolo ad un duplice livello. Il primo, più strettamente teorico, facendo riferimento a campi interdisciplinari, con particolare riferimento all’approccio della biopedagogia, della psicologia della musica e delle neuroscienze. Un secondo livello è inerente alle pratiche di ricerca empirica condotte nell’ambito della Pedagogia Medica all’interno del Laboratorio di epistemologia e pratiche dell’educazione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, volte al recupero della memoria implicita in soggetti anziani patologici e non patologici.
Particolare attenzione verrà, infine, rivolta alla strategia dell’Autobiografia Musicale attorno alla quale si muove una ricerca internazionale coordinata dall’autrice nell’ambito dell’intervento riabilitativo pedagogico con i pazienti Alzheimer.

Pubblicato
2019-06-30