Una scuola in mutazione tra governance sociale e governance culturale. Policy maker, Capability approach, Global citizenship e Conoscenza

Nicolina Pastena

Abstract


La ricerca di modelli pedagogici innovativi, capaci di rispondere alle contestuali esigenze educative dell’epoca moderna, rappresenta uno dei temi di maggiore interesse per il mondo della scuola e per la teorizzazione pedagogica. L’educazione delle giovani generazioni è da sempre l’elemento focale intorno a cui ruota l’evoluzione sociale e la crescita economica e culturale di un popolo. Una recente indagine condotta da “TreeLLLe” evidenzia come, nell’odierno panorama educativo, la forma dell’“imparare a conoscere” prevalga in
maniera significativa sulla forma dell’“imparare a vivere con gli altri”. Sarebbe auspicabile, in tal senso, una maggiore interazione tra una governance sociale e una governance culturale. Il capability approach apre, in questa direzione, interessanti scenari di riflessione, coniugando capacità e opportunità nell’ottica del well being. In questo contesto, responsabilità culturale, responsabilità sociale, governance politica e governance culturale si intersecano sinergicamente dando vita a un soggetto-persona consapevole di “saper essere” in virtù di un “saper essere sociale”. Si prospetta così uno “spazio attivo dell’educare”
dominato da un’eterna tensione tra l’agire universale e l’agire individuale. È, così, necessario auspicare la nascita di una rinnovata identità sociale e personale in grado di affrontare le sfide di un mondo sempre più complesso e planetario.


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.